Il Terzo Fuoco



Si dice terzo fuoco perchè il pezzo passa attraverso tre cotture .
La  prima ( chiamata biscotto) serve per trasformare il pezzo da argilla cruda a argilla cotta , la seconda ( chiamata smaltatura) serve a invetriare la superficie della terracotta di smalto che può essere bianco o colorato e  la terza per decorare .

I colori utilizzati sono essenzialmente degli ossidi metallici con l'aggiunta di fondente.
Si presentano in polvere o liquidi.
Quelli in polvere si miscelano con resine o liquidi oleosi in buona parte ottenuti dalla distillazionedi vegetali mentre quelli liquidi sono già pronti all'uso.
Una volta applicati i colori il pezzo viene sottoposto ad una o più cotture con temperature tra i 780° e 800 ° C.

Inoltre , nel terzo fuoco, si possono utilizzare dei lustri colorati o metallici quale l'oro lucido (brillante) , l'oro zecchino (opaco), il platino e il bronzo e cotti a temperatura leggermente più basse, circa 750°C.
I lustri si presentano allo stato liquidi e quando vengono applicati sono di colore bruno e di difficile distinzione l'un con l'altro ma, una volta cotti, sprigionano tutti i lori riflessi.


 


 
This site uses cookies to manage, improve and personalize your browsing experience of the website.
For more information about how we use cookies and how to remove them, consult our policy on cookies.
For permission to use cookies on this site click the button "OK".
OK